La collezione del museo permette ai visitatori di confrontarsi con la cultura funeraria occidentale. Oggetti antichi e di uso quotidiano contrastano con opere d’arte contemporanea per sollevare le seguenti domande: come si affrontava la morte in passato? Quale importanza assume oggi la morte in una società secolarizzata e ideologicamente differenziata? Il confronto con la morte induce così a porsi anche domande sulla vita, sia individuale che sociale.

Oltre alla collezione permanente, hanno parallelamente luogo delle esposizioni speciali. Queste sono dedicate a diversi aspetti della storia della cultura funeraria, agli sviluppi e alle tendenze attuali e al confronto artistico con la morte, il dolore e il lutto oppure trattano argomenti socio-politico scottanti.

Il museo si prefigge di fornire stimoli di riflessione e di trasmettere nuove conoscenze. Le sue offerte nel campo della formazione culturale sono aperte a tutti coloro che desiderano partecipare alle trasformazioni culturali, sociali e scientifiche del nostro tempo, indipendentemente dalla loro età o professione.

Il museo della cultura sepolcrale è patrocinato dal gruppo di lavoro Arbeitsgemeinschaft Friedhof und Denkmal e.V., fondato nel 1951, da cui sono nate la fondazione Stiftung Zentralinstitut (1979) e il Museum für Sepulkralkultur (1992).

Per ulteriori informazioni consultare il sito Internet inglese.


TOP